venerdì 21 novembre 2014

Terza tappa Blogtour e Giveaway: "Con un poco di zucchero" di Chiara Parenti

Miei cari lettori sognatori, sono lieta di ospitare la terza tappa del blogtour dedicata a Con un poco di zucchero di Chiara Parenti!  Oggi Chiara sarà ospite con un'intervista ^^


Queste sono le tappe del blogotour: 
Prima, vi lascio una nota biografica su Chiara:
Chiara Parenti è laureata in Filosofia, è giornalista pubblicista e lavora nell’ambito dell’editoria e della comunicazione. Appassionata di scrittura creativa, è autrice del romanzo “Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito) per Rizzoli (Youfeel). Il suo sito ufficiale è www.chiaraparenti.com.

E ora, scopriamo qualcosa di più su questa nuova uscita!

-Come’è nata l’idea di questo libro?


L’idea di questa storia mi è venuta per caso qualche mese fa, quando ho sentito che nel 2014 il film di Mary Poppins avrebbe compiuto 50 anni. C’era da festeggiare, dunque! Così ho ripensato alla storia della tata più famosa del mondo e mi sono chiesta come sarebbe stata ai nostri giorni, cosa avrebbe fatto, quali “magie” avrebbe compiuto. Da Londra mi sono trasferita a Roma, il viale dei Ciliegi è diventato via delle Mimose e la tata atterrata di fronte alla casa di una famiglia un po’ in difficoltà è una biondina dai grandi occhi verdi che fa yoga e che con le sue storie fantastiche e i suoi giochi incredibili è in grado di cancellare l’amaro della vita. Nessuno potrà restare indifferente al suo passaggio, tantomeno il protagonista maschile, che non potrà sottrarsi alla sua magia. La magia dell’amore.
-Quali sono le caratteristiche di Tata Katie che hai cercato di far venire fuori?
Volevo che Katie Baker fosse una di quelle persone solari che emanano luce ed energia appena le vedi. Di quelle che nonostante le difficoltà della vita, affrontano il buono e il cattivo tempo con il sorriso sulle labbra, riuscendo a trovare il lato positivo in ogni cosa. La mia Super Tata non ha poteri soprannaturali, anzi è proprio strana e piena di nevrosi (non parlatele mentre sale le scale, perché ha la fissa di contare gli scalini e non vi potrebbe dar retta!), è vegetariana ma si rimpinza di dolci: insomma è una tipetta molto particolare, ma ciò che la rende davvero unica è la sua capacità di volare con la fantasia e di cogliere la meraviglia in ogni cosa che ci circonda. E oggi, dove tutto è difficile e complicato, non è forse un po’ una magia anche questa?
 
-Tata Katie ti assomiglia un po'?
 
Temo di sì. Come lei faccio yoga, amo gli animali e cerco di trovare il lato bello di ogni cosa. Ma soprattutto in comune abbiamo una marea di piccole (e grandi) nevrosi. Insomma, non parlatemi mentre salgo le scale, ecco!  

-Come evolve il personaggio di Teo?
Ah, il povero Teo! Immerso nella sua profonda crisi di trentenne senza lavoro e senza casa, verrà letteralmente travolto da quello che lui chiama “l’Uragano Katie”, la ragazza un po’ svitata che è arrivata alla sua porta con una folata di vento e che come un uragano, appunto, ha sradicato ogni sua certezza. Sebbene opponga resistenza con tutte le sue forze, non sarà possibile per lui restare indifferente al suo passaggio.

-È vero che a volte basta solo un poco di zucchero per aggiustare le cose?
 
Secondo me, sì. A volte basta anche solo cambiare prospettiva e cercare di vedere le cose sotto una luce diversa, che il mondo cambia colore. Tata Katie ci insegna a trovare il lato bello in ogni cosa e a usare la fantasia. Ma soprattutto ci insegna che l’amore può compiere anche una magia.
-Quanto dovremo aspettare per leggere una tua nuova storia?
Probabilmente febbraio. Sto lavorando a una nuova storia e, se viene come spero, ci sarà da divertirsi.



1 commento: