mercoledì 22 novembre 2017

Il club delle vedove - Teatro de' Servi | Un lettore a teatro

IL CLUB DELLE VEDOVE

di Ivan Menchell
regia di Silvio Giordani

con Caterina Costantini, Lorenza Guerrieri, Marina Occhiena, Lucia Ricalzone, Alberto Mancini


Quando anche la scomparsa della persona amata diventa un pretesto di rinascita… e di amicizia, quella vera: dal 28 novembre al 17 dicembre, al Teatro de’ Servi va in scena IL CLUB DELLE VEDOVE.
Ada, Camilla e Dora, le protagoniste della commedia in scena al Teatro dei servi dal 28 novembre  al 17 dicembre, sono tre vedove che decidono di dar vita ad un “circolo” tutto speciale: sede sociale, il cimitero. Si incontrano infatti, periodicamente, davanti alle tombe dei rispettivi mariti per onorarne la memoria,  ma anche per cercare di dare un senso alla propria vedovanza e combattere la solitudine.

Viene dall’America “Il club delle vedove”, commedia scritta da Ivan Menchell e ora riadattata da Silvio Giordanoche ne è anche il regista. E’ calda ed arguta, ricca di ironia e di battute che sanno essere, come impone lo stile di Broadway, misurate e frizzanti nello stesso tempo, mai volgari, sempre in sintonia con la situazione e la psicologia dei personaggi. Sulla scena tre attrici di eccezione che sanno equilibrare con eleganza verve e pathos: Caterina Costantini (Camilla), Lorenza Guerrieri (Dora) e Marina Occhiena (Ada) accompagnate nella pièce da Lucia Ricalzone (Samantha) e da Carlo Ettorre (Carlo).

Rappresentata per la prima volta a New York nel 1990, “Il club delle vedove” (The Cemetery Club) è ormai quasi un classico nel suo genere. Mette gli spettatori di fronte ad una amicizia sincera tra tre donne che hanno bisogno l’una dell’altra, che hanno esperienze comuni ma anche caratteri molto diversi, per molti versi incompatibili. Una è devota alla memoria del defunto fino al parossismo, un’altra sembra in grado di coniugare rimpianto e serenità d’animo, la terza, quasi una predatrice, smania per trovare un nuovo compagno anche per vendicarsi dei numerosi tradimenti del marito scomparso. L’amicizia però rischia di sgretolarsi quando nel sodalizio si incunea un affascinante vedovo, Carlo, oggetto di desiderio e di invidia, che rivolge la sua attenzione verso solo una delle tre, né migliora la situazione la presenza di una quarta amica, Samantha, che elabora il lutto passando da un matrimonio all’altro. Il pirotecnico finale, grottesco, esilarante, patetico ricucirà i multicolori fili del discorso, mostrando come questa commedia sia capace di fare ridere ma anche di imporre riflessioni sul modo di affrontare la morte di una persona cara.

“Ogni essere umano, pur avendo grandi capacità di tolleranza al dolore e alla solitudine, non deve permettere alla morte di spegnere il sorriso alla vita ed alla speranza; ciò che conta non è essere giovani, ma sentirsi giovani e le nostre protagoniste avranno il compito di sottolineare tutto ciò poiché ‘il teatro non è specchio che riflette ma lente che ingrandisce’ ”, ha spiegato il regista Silvio Giordani


INFO
Teatro de’ Servi | Via del Mortaro 22, Roma
info: 06 6795130
www.teatroservi.it

0 commenti:

Posta un commento