mercoledì 17 luglio 2019

Premio Massimo Troisi | Conferenza Stampa


Presentata mercoledì 17 luglio al Gran Caffè Gambrinus di Napoli la XIX edizione del Premio Massimo Troisi, che si terrà dal 20 al 27 luglio a San Giorgio a Cremano. 
Quest'anno il Premio Massimo Troisi porta la firma del direttore artistico Gino Rivieccio, attore e regista di vasta esperienza, che ha messo a punto un programma di grandi ospiti e nel segno della cultura e del divertimento. 

Gli spettacoli sono gratuiti e aperti al pubblico: il tutto è promosso e organizzato dal Comune di San Giorgio a Cremano nella persona del sindaco Giorgio Zinno, tramite l'assessorato alla cultura retto dall'assessore De Martino, e con il finanziamento della Regione Campania.

Presente in sala il sindaco Giorgio Zinno che parlato così del Premio: "San Giorgio è legato alla persona di Massimo Troisi.
La kermesse sarà itinerante, si svgera negli spazi aperti della città e sarà gratuita fino ad esaurienti posti. Tra i tanti spettacoli in programma nella settimana di eventi che ci porterà al gran galà finale del 27 luglio, quest'anno abbiamo voluto dedicare anche una serata ad Alighiero Noschese. 
È stata fondamentale la presenza della regione Campania. C'è una partecipazione di tutta la città, crediamo nel progetto culturale del Premio."

Il direttore artistico Gino Rivieccio si mostra fiero del ruolo che riveste nella manifestazione: "Massimo era una maschera unica, nobile, che faceva ridere con quello che diceva ma anche con quello che non diceva, che raccontava le pause con una napoletanità lontana dai soliti modelli stereotipati. 
Quando ho scelto il programma mi sono consultato con Massimo. Sarebbe piaciuta a Massimo questa serata? Mi sono messo nei suoi panni. 
Quest'anno oltre ai concorsi tradizionali, inizia a entrare nel dettaglio la scrittura comica, curata dal presidente della giuria Pino Imperatore. Sono stati esaminati ben 65 racconti per questo concorso. 
Ringrazio tutti per avermi dato questa possibilità, di farmi emozionare ancora. Perché è emozionante stare sul palcoscenico e fare il direttore artistico nel nome di Massimo Troisi."

Queste le parole di Edoardo Tartaglia, componente della giuria del concorso dell'attore comico e protagonista della serata di mercoledì 24 luglio: 
"Abbiamo incontrato varie anime della comicità, non tutte napoletane, e ciò è anche un segno della nazionalità del premio. Vi aspettiamo per scoprire qualche talento nuovo." 

Quest'anno il Premio Massimo Troisi si avvale della partecipazione dell'università Federico II di Napoli. La nuova sezione di concorso del XIX Premio Massimo Troisi 2019, intitolata "Testi teatrali, sceneggiature cinematografiche e scritture seriali di fiction televisive seriali di fiction televisive", è nata in sinergia tra Master di II livello e il Comune di San Giorgio a Cremano. Essa prevede l'assegnazione di due borse di studio per "Autori emergenti" e l'assegnazione di un premio speciale della giuria, composto da 5 docenti dell'università degli studi di Napoli Federico II: il prof. Pasquale Sabbatino (Presidente della giuria), la prof.ssa Giuseppina Scognamiglio, la prof.ssa Anna Masecchia, il prof Matteo Palumbo, il prof. Vincenzo Caputo.
La professoressa Scognamiglio ha parlato così del concorso: "Siamo felici di questa collaborazione con il Premio Massimo Troisi fortemente voluta dal sindaco e dall'assessore. 
Sono arrivati 57 testi, più 10 fuori tempo massimo che non abbiamo potuto esaminare. Speriamo di trovare attori nuovi, attori emergenti che emergano così come è emerso Massimo Troisi. 


0 commenti:

Posta un commento