sabato 30 maggio 2015

Blogtour"Facemmo l'amore una note di maggio" di Domenico Andrea Schiuma: Playlist del romanzo [5° tappa]

Buon sabato a tutti voi lettori sognatori!
Ormai sono un caso perso, avevo questo post pronto da tempo e... proprio ieri mi sono scordata di pubblicarlo!
Chiedo scusa all'autore, rimedio subito :)
Con grande piacere, ospito la tappa dedicata alla playlist del romanzo Facemmo l'amore una note di maggio di Domenico Andrea Schiuma.
Tappe del tour:
Prima Parte
24/04: Segnalazione - Peccati di Penna
01/05: Estratto - L'angolo delle Topiiii
08/05: Autobiografia o non autobiografia? - La Lepre Marzolina
 

E dunque, come promesso, eccoci arrivati alla playlist. Mi piace l'idea di abbinare la scrittura alla musica: ritengo che le arti non debbano essere separate come dei compartimenti stagni. E mi piace ancora di più l'idea che la lettura sia accompagnata a dei suoni. Confesso, però, che ho trovato molto difficile comporre questa playlist. Prima di tutto perché in mente mia volevo abbinare una canzone ad ogni capitolo. Ma il romanzo consta di ventotto capitoli, e ci avrei impiegato un'eternità per trovare ventotto canzoni adatte. Così ho optato per abbinare le canzoni ai momenti clou, ed è venuta fuori una playlist di undici brani. In seconda battuta, perché le canzoni non vengono scritte per essere collegate ai romanzi. Bisogna quindi lavorare un po'di approssimazione e per concetti. Tuttavia, sono soddisfatto del risultato e credo che sia venuto fuori un "disco" niente male da ascoltare mentre si legge Facemmo l'amore una notte di maggio.
Ora bando alle ciance, e partiamo.
1)L'arrivo: Costituisce il punto di partenza del romanzo. Nicola Mastrogiovanni, il protagonista, arriva a Bari in treno. Per questa ragione, ho scelto Underworld, dei Born Slippy, nota per essere la canzone più importante della colonna sonora del cult movie Trainspotting.
https://www.youtube.com/watch?v=TlLWFa1b1Bc
2)Il passato di Nicola: Subito dopo l'arrivo del protagonista a Bari, alcuni capitoli dell'opera sono dedicati alla descrizione del suo passato, della sua infanzia. Un vissuto difficile, caratterizzato da un padre violento e da una madre succube. Un vissuto però che, a un certo punto, cerca di riscattarsi tramite un viaggio. Per questo motivo ho scelto un brano strumentale, il Canone di Pachelbel, il brano di musica classica che più adoro in assoluto. Ho scelto un arrangiamento per solo piano, perché trovo che il timbro dello strumento racconti meglio i travagli interiori del giovane Nicola.
https://www.youtube.com/watch?v=rNsgHMklBW0
3)La città: Alcuni brani del libro sono dedicati alla descrizione della mia amata città, Bari, e soprattutto alla città vecchia, cunicolo complicatissimo di vie strette, vicoli, e tanta, tanta antichità. Dalla basilica, al castello, alla vecchia muraglia. E se c'è un cantautore che più e meglio di altri ha descritto i centri storici delle città quello senza dubbio è Fabrizio De Andrè, in un suo pezzo immortale, La città vecchia. Certo, lui parlava di Genova, ma il mare, il vecchio porto...
https://www.youtube.com/watch?v=XbYYuWAq84o
4)In cerca di una storia: Trovare una canzone che si abbinasse bene a questa parte del romanzo è stato molto difficile. Alla fine però ci sono riuscito, e la mia scelta è ricaduta su Shop around dei The Miracles, un gruppo di Detroit attivo fra gli anni '50 e gli anni'60 e dedito soprattutto alla musica jazz e soul. "Shop around" vuol dire proprio "guardarsi intorno alla ricerca di qualcosa". Esattamente quello che fa Nicola. Il ritmo della canzone suggerisce la varietà di vita che Nicola coglie prima di raggiungere il suo obiettivo.
https://www.youtube.com/watch?v=AQGXa3FiXKM
5)Natalia: Siamo ad uno dei momenti di volta della storia. Entra in scena Natalia, un'attrice diciassettenne che è da poco stata lasciata dal ragazzo, Lorenzo. Ha bisogno di parlare della sua vita con Federico, il suo migliore amico, per ragionare sugli eventi a mente più lucida. Natalia e Federico parlano su una panchina in una piazza, e accanto a loro, su un'altra panchina, c'è proprio Nicola Mastrogiovanni, che viene in prima battuta folgorato dalla bellezza della ragazza. Forse la butto un po'sul melodrammatico, ma per questa parte del romanzo credo che sia adatta Bella di Riccardo Cocciante, tratta dallo splendido musical Notre Dame de Paris. Come Quasimodo, Frollo e Febo sono inizialmente attratti dal fascino e dalla bellezza della giovane Esmeralda, così lo è Nicola verso Natalia. E in entrambi i casi, l'amore verso le due bellezze avrà delle ripercussioni criminali.
https://www.youtube.com/watch?v=dukYU-wpaoc
6)La storia di Natalia e Lorenzo: Su proposta di Federico, Natalia ripercorre la sua storia d'amore con Lorenzo, per vedere se, da qualche parte, c'è un "errore" che abbia fatto inceppare il meccanismo della relazione. Tutto questo, ovviamente, mentre Nicola ascolta indisturbato. Trovo che la storia fra Lorenzo e Natalia sia ben descritta da Eblouie par la nuit, di Zaz. L'amore fra i due ragazzi nasce soprattutto di notte. Il primo verso della canzone dice "Abbagliata di notte da lampi di luci mortali". Trovo non ci sia molto altro da aggiungere.
https://www.youtube.com/watch?v=KDcgOpUp2nc
7)Nicola ama Natalia: Ben presto Nicola si accorge di essere innamorato di Natalia, e di non essere semplicemente affascinato dalla sua bellezza giovane. Per un uomo che in vita sua è stato sempre e solo innamorato della madre, questo è un colpo tanto dolce quanto difficile da accettare. È per questo che ho scelto Madness dei Muse, un classico del rock contemporaneo, i cui versi finali dicono:"Now, I have finally realized I need your love", "Adesso ho finalmente capito che ho bisogno del tuo amore". Nicola ci mette un po' per comprenderlo, ma alla fine ce la fa. E sente dell'amore di Natalia un bisogno fortissimo.
https://www.youtube.com/watch?v=Ek0SgwWmF9w
8)Lorenzo torna da Natalia: Le cose però non vanno come previsto, per il signor Mastrogiovanni. Natalia e Lorenzo si rimettono infatti insieme, come aveva predetto Federico. Credo che la canzone adatta per questo momento del romanzo sia Gru di palude di Giua, una bravissima e giovanissima cantautrice genovese per cui ho un pallino. La canzone è suonata solamente con due chitarre classiche e delle leggerissime percussioni, e trovo il ritornello molto adatto alla circostanza. Ascoltatelo, e ditemi voi perché.
https://www.youtube.com/watch?v=5cNfh0FuPvw
9)La dichiarazione: Nonostante ciò, Nicola Mastrogiovanni trova comunque la forza per avvicinarsi a Natalia e confessarle i suoi sentimenti. Per questo momento ho scelto nuovamente una canzone di Giua, ossia Come fa una mela, un brano molto dolce che parla delle difficoltà di iniziare una storia nuova, e di tutte le difficoltà che porta una situazione di questo genere. Godetevela.
https://www.youtube.com/watch?v=HSzPbN8uEWc
10)La fuga: Ancora una volta, però, i sogni di Nicola si infrangono alla prova della realtà: Natalia lo scambia per un malintenzionato, e lui, più impaurito di lei, fugge via. Nella corsa perde la foto di sua madre dal portafoglio e si imbatte nel cadavere di un uomo che le forze dell'ordine cercavano da settimane. Capisce perfettamente che c'è una sola cosa da fare: andarsene il prima possibile da Bari. E, in mente mia, lo farebbe bene sulle note di Exile Etiquette degli Snapcase, un gruppo che ho scoperto da poco tempo.
https://www.youtube.com/watch?v=swCfbEHPr_k&feature=related
11)Il finale: Nicola approda alla stazione di Porta Nuova a Torino, e non è più quello di Bari. Si apre al mondo in una prospettiva completamente diversa. Tant'è vero che, quando nell'ennesimo hotel incontra una signora e, una volta chiestoglielo, apprende che è di Bari, fa finta di non essere mai stato nella città pugliese, per poter parlare un po' con lei. Per il finale ho scelto la canzone Si tu vois ma mère. Se il titolo nudo e crudo com'è non vi dice niente vi do un altro indizio: Midnight in Paris, Woody Allen, 2011. Esatto, il motivetto che c'è all'inizio e che accompagna la sequenza di immagini di Parigi. Perché questa scelta? Non perché Torino sia più bella sotto la pioggia (a Torino poi piove sempre), ma perché Torino rappresenta per Nicola quello che Parigi è per Gil, il protagonista di Midnight in Paris: una seconda possibilità, per distaccarsi da una vita passata che non ha regalato molte soddisfazioni.
https://www.youtube.com/watch?v=bmVTnLR02Nc
E dunque, spero che la musica che ho scelto come colonna sonora del romanzo vi piaccia e bene. Al prossimo appuntamento!

0 commenti:

Posta un commento