giovedì 26 ottobre 2017

Gate 2348- Quando la candela si spegne rimane il buio - Teatro L'Aura | Un lettore a teatro

GATE 2348- QUANDO LA CANDELA SI SPEGNE RIMANE IL BUIO

Testo di Sergio Tosti
Regia di Andrea Gizzi
Con Massimo VincenziMusiche dal vivo di Fabio Menditto e Angelo Ercol 



Debutta il 26 ottobre al Teatro L’Aura, GATE 2348- Quando la candela si spegne rimane il buio. Lo spettacolo scritto da Sergio Tosti e diretto da Andrea Gizzi, con Massimo Vincenzi e musiche dal vivo di Fabio Menditto e Angelo Ercoli sarà in scena fino al 5 novembre
Gate 2348 racconta la storia di Dante, il perfetto stereotipo della realtà che tutti noi viviamo. La sua è una vita frenetica, incorniciata da isolamento e anaffettività, nella quale non c’è tempo per prestare attenzione alla coscienza e alla consapevolezza di sè. Dante è alle prese con il grande problema dei giorni nostri: il lavoro. Vive questa realtà a modo suo, e trasforma l’ambiente attorno a sé sfruttandolo per tirare avanti e usando come punti di forza le sue debolezze. Le sue giornate sono segnate da incontri con una serie di improbabili personaggi che prova a raggirare pur di raggiungere i suoi scopi. Per questo, cambia voce, sesso, ruolo, crea situazioni paradossali e coinvolge persone che lo possano aiutare a centrare l’obiettivo. In virtù della sua machiavellica filosofia di vita, “il fine giustifica i mezzi”, è pronto a dare la “sòla” alla madre pur di arrivare a stipulare un contratto. E così pensa di essere forte, crede di dominare la tecnologia ma, ad un certo punto, un incubo notturno lo costringe a fare i conti con se stesso, ed ecco che in lui affiora un’insolita malinconia. Il messaggio finale? Lo vorreste sapere… beh, sta tutto nella fiamma di una candela che si spegne…

INFO
Dal 26 ottobre al 5 novembre 2017
Da giovedì al sabato ore 21, domenica ore 18
al Teatro L'Aura | Vicolo di Pietra Papa, 64 (angolo con Via Pietro Blaserna, 37)
Roma Zona Viale Marconi
info e prenotazioni 0683777148 oppure 3464703609 oppure nuovoteatrolaura@gmail.com

0 commenti:

Posta un commento