Recensione: "Uno di voi" | Teatro de' Servi - Un lettore è un gran sognatore | Blog di letteratura, storia, cultura, teatro

Un lettore è un gran sognatore | Blog di letteratura, storia, cultura, teatro

Blog letterario dedicato ai libri, al teatro e alla cultura in generale. Recensioni, interviste, spettacoli teatrali e articoli di approfondimento

mercoledì 12 febbraio 2020

Recensione: "Uno di voi" | Teatro de' Servi


UNO DI VOI 

scritto e diretto da Roberto Marafante
con Mirko Corradini, Andrea Deanesi, Giuliano Comin, Maria Giulia Scarcella

Uno dei momenti più belli che vive una donna è quando scopre di essere incinta. Ma... cosa succede se non sa chi è il padre?! 
Questo è quello che accade alla protagonista di Uno di voi, in scena al teatro De' Servi fino al 16 febbraio. 
Maria, giovane insegnante con ormai più di trent'anni, si ritrova a dover far i conti con il suo fidanzato, un eterno bambino che non vuole assumersi nessuna responsabilità e tanto meno metter su famiglia, con il fratello di lui, segretamente innamorato di lei, ma omosessuale, e infine con una sua vecchia fiamma universitaria. Nel giro di una giornata, a causa di una serie di esilaranti intrecci e di sfortunati eventi, Maria si ritrova a far l'amore con tutti e tre. Ma il destino gioca un brutto scherzo a tutti: Maria resta incinta e convoca a sorpresa i tre, per scoprire chi è il padre. Le reazioni saranno tutt'altro che mature, con il panico a far da padrone. Luca, Gianni e Jacopo: chi diventerà padre? 

Uno di voi si presenta come una commedia leggera che riesce a regalare un paio d'ore di spensieratezza al pubblico. L'arrivo di un bambino sconvolge la vita di ogni persona, ma è proprio in quel momento che si cresce e si matura. Anche se succede quando si ha quasi quarant'anni. Il percorso di crescita coinvolge tutti i personaggi in scena, anche il più insospettabile. Uno spettacolo che non solo fa ridere, ma fa anche pensare e riflettere sul fatto che non si può essere degli eterni Peter Pan, ma prima o poi bisogna fare i conti con la realtà e crescere. 



Nessun commento:

Posta un commento